Aneto (Anethum graveolens) - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Aneto (Anethum graveolens)

Nell'orto
L'aneto è una pianta aromatica annuale il cui nome botanico è Anethum graveolens, che in caso di inverni miti può comportarsi anche come una pianta biennale.
E' una pianta con fusti sottili e ramificati, che possono raggiungere i 60-100 centimetri di altezza, e fogliame costituuito da sottili filamenti teneri e leggermente carnosi di colore verde-azzurro.
I fiori sono di un bel colore giallo raggruppati in grandi ombrelle. L'aneto va seminato in primavera direttamente all'aperto in luogo soleggiato oppure anche in mezz’ombra-ombra leggera. Cresce bene sia in piena terra sia in vaso in terreno ricco in materia organica e ben drenato per cui è preferibile aggiungere poco prima della semina del letame maturo al terreno.
Qualora dopo la semina nascano troppe piante occorre diradarle lasciandeno una ogni 7-8 centimetri.
E' una pianta dalle origini asiatiche, tradizionalmente usata nella cucina indiana. Le foglie devono essere raccolte e consumate fresche durante tutto il periodo vegetativo e quando i frutti sono quasi maturi si possono tagliare le piante per essiccarle in luogo ombreggiato oppure utilizzando l'essiccatore.
E' una pianta simile al finocchio selvatico, caratterizzata da un sapore delicato, intermedio tra quello del finocchio e quello dell’anice ed è adatto nelle marinate, nella salsa per i pesci e nelle insalate. E' ad esempio utilizzato per aromatizzare il salmone mentre i frutti aromatici sono ottimi per profumare l'aceto, le conserve e le verdure sott'aceto. Per la bellezza del fogliame è anche spesso impiegato come elemento decorativo nell'impiattamento di piatti ricercati.
L'aneto ha roprietà terapeutiche: diuretiche, stimolanti, carminative.
Torna ai contenuti