Bombino nero - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Bombino nero

Vini
Il Bombino Nero è un vitigno poco conosciuto anche se molto coltivato soprattutto nel nord della Puglia. Le sue origini sono avvolte nel mistero anche se sembra che siano stati i coloni grechi a importare questo vitigno ed a impiantarne i primi vigneti nelle Murge. Il suo nome non ha nulla a che vedere con il Bombino bianco e il nome sembra derivare dalla particolare forma del grappolo in cui si vedrebbe un bambino a braccia aperte. Un altro sinonimo è quello Buonvino,  che il vitigno si sarebbe meritato in virtù della abbondante resa produttiva  e in mosto. E' comunque particolarmente diffuso  nella zona di Andria e di Corato ove rappresenta una delle varietà principali della Doc Castel  del Monte, l’unica DOC che ne prevede anche la vinificazione in purezza.  La Zona di Produzione del Vino DOCG Castel del Monte Bombino Nero è localizzata in provincia di Bari, e comprende il territorio dei comuni di Corato, Ruvo di Puglia, Terlizzi, Bitonto, Palo del Colle, Toritto e Binetto, mentre in provincia di Barletta-Andria-Trani comprende il territorio del comune di Minervino Murge e, in parte, il territorio dei comuni di Andria e Trani.
Il risultato è solitamente un vino rosato secco dal colore più o meno intenso, dall'odore caratteristico, delicato, fruttato e sapore asciutto, armonico.
"Augustale" Castel del Monte Bombino nero DOCG - Grifo

Augustale è il rosato top di gamma della cantina Grifo. E' prodotto da uve di Bombino nero in purezza coltivate nei vigneti dei soci nel comune di Ruvo di Puglia, a nord di Bari, a ridosso delle colline ove i terreni sono di tipo calcareo, ciottoloso, leggermente argilloso e tendenzialmente siccitosi. Le uve sono vendemmiare manualmente e dopo il diraspamento delle uve si ottiene il mosto con il metodo della vinificazione in bianco delle uve nere con leggera criomacerazione e termovinificazione. E' un vino dal colore rosa ciclamino con riflessi violacei e al naso esprime una vera ricchezza di profumi. Al gusto è importante, piacevolmente fresco e minerale.
Ottimo per accompagnare minestre leggere, formaggi di media stagionatura, ma anche freschi, piatti di pesce e di frutti di mare. Va bevuto giovane e servito alla temperatura di 10 - 12 °C.

Abbinamenti da provare:
Torna ai contenuti