Calamari ripieni di cavolfiore con arancia e pistacchi - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Calamari ripieni di cavolfiore con arancia e pistacchi

Ricette > Piatti di Mare
Ingredienti per 4 persone:

400 g. di calami atlantici (8 calamari già puliti)
300 g. di cavolfiore
1 arancia non trattata
1 scalogno
40 g. di pistacchi salati
olio evo
sale q. b.
pepe q. b.

Calamari ripieni di cavolfiore con arancia e pistacchi
Preparazione:

Lavare sotto l'acqua corrente l'arancia  e asciugarla. Tagliare la scorza a striscioline senza togliere l'albedo e spremerne il succo. Mettere da parte.
Lavare i cavolfiori, eliminare le foglie e il gambo e dividere le cimette. Cuocerli a vapore per circa 10 minuti. Tagliare le cimette a striscioline e farle rosolare per alcuni minuti con lo scalogno tritato finemente e il succo di mezza arancia. Regolare di sale e pepe, spegnere il fuoco e mettere da parte.
Lavare sotto l'acqua corrente i calamari e togliere i tentacoli. Riempire le sacche dei calamari  con il cavolfiore e chiudere bene con uno stuzzicadenti. Posizionare i calamari ripieni e i tentacoli in una pirofila unta con un filo di olio.
Versare il succo di arancia rimanete e cospargere con le scorzette di arancia. Regolare di sale e pepe e mettere un filo leggero di olio. Cuocere per circa 20 minuti nel forno già caldo a 180 °C aggiungendo alcuni minuti prima del termine della cottura alcuni pistacchi tostati e salati spezzettati. Servire togliendo gli stuzzicadenti e accompagnare con alcuni pezzetti di arancia pulita a vivo.
Calamari ripieni di cavolfiore con arancia e pistacchi
L'abbinamento ....

"Rosalbore" Salice Salentino Negroamaro rosato DOC - Cantine San Pancrazio

Questo rosato salentino è ottenuto da uva di Negroamaro in purezza da vigneti di età tra i trenta ed i cinquant'anni. Le ave sono vendemmiate la seconda e terza decade del mese di settembre. Le uve, dopo diraspatura, vengono pigiate delicatamente,  e segue una breve macerazione pellicolare. Viene estratto il 30% del mosto che viene portato ad una temperatura di 8 °C. Dopo svinatura avviene la fermentazione alcolica ad una temperatura di 16 °C. La successiva maturazione avviene in acciaio inox. Il risultato è un vino dal bel colore rosa cerasuolo con riflessi corallini. All'olfatto ci colpisce un bouquet intenso, ampio e floreale in cui predominano i sentori di frutti rossi, fragola, lampone e ciliegia. Al gusto risulta pieno, morbido, con un ottimo equilibrio tra freschezza e sapidità completate da un’ottima persistenza gusto olfattiva. E' un rosato da tutto pasto anche se è eccellente per accompagnare antipasti in genere, primi piatti con condimenti non troppo grassi, zuppe di pesce, carni bianche e formaggi freschi o di media stagionatura. Eccezzionale con tutti i piatti di pesce al forno e grigliati. Va bevuto giovane e servito alla temperatura di 10 - 12 °C.


Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti