Dolcetto - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Dolcetto

Vini
Il Dolcetto è sicuramente tra i vitigni autoctoni piemontesi uno fra i più tipici ed è coltivato in tutta la regione. E' un vitigno che predilige terreni calcarei marnosi su colline non troppo alte. Il suo territorio di elezione è certamente la Langa, ove per secoli è stata coltivata pur nelle difficoltà causate dalla non eccezionale vigoria della pianta e alla scarsa resistenza alle difficoltà e alle malattie.  Il nome del vitigno deriva dalla particolare dolcezza dell’uva e contrasta con i vini che se ne ricavano: asciutti, secchi, modesta acidità e retrogusto amarognolo. Comunque, oggi con le nuove tecniche di vinificazione e a seconda della zona di coltivazione il Dolcetto dà origine a vini freschi e beverini, morbidi che hanno la capacità di adattarsi a piantti anche molto diversi. E' un vitigno che può anche dare origine a vini più complessi, di corpo e struttura, che possono essere invecchiati anche fino a sei-sette anni.
E' un vitigno che in Piemonte, ci consegna, tredici denominazioni di cui quella di Alba è certamente la più conosciuta  e che vanta il maggior quantitativo di bottiglie prodotte. Ricordiamo anche il Dolcetto di Diano d’Alba che ha ottenuto la DOC e che viene prodotto esclusivamente nei vigneti situati solo nel comune di Diano d'Alba.

Dolcetto d'Alba DOC - Prunotto

E' un vino prodotto da uve di Dolcetto in purezza coltivate nei vigneti dell'azienda nelle zone di Barbaresco, Treiso, Alba e Monforte. In questi territori i terreni, originati da forti correnti marine nell'epoca Miocenica, si presentano di tipo misto sabbioso ed argilloso. Le uve dopo pigiatura e diraspatura subiscono una macerazione di sette giorni e la fermentazione malolattica che, nell'annata 2017, si è conclusa alla metà del mese di dicembre. Il vino è poi affinato per alcuni mesi in serbatoi inox. Il risultato è un vino di colore rosso rubino vivace che all'olfatto si presenta vinoso con sentori di fiori e frutta matura. Al gusto è equilibrato, fresco e di grande beva.
E' un classico vino piemontese da tutto pasto che si abbina benissimo ad antipasti, primi piatti e formaggi non troppo stagionati. Si consiglia di berlo ad una temperatura di 12 - 14 °C e si conserva bene per alcuni anni dalla vendemmia.
Dolcetto d'Alba DOC - Sordo

"Ogni collina, addirittura ogni vigneto, produce un suo “Dolcetto” particolare, con caratteristiche ben differenziate e facilmente individuabili" è questa la filosofia della cantina Sordo. E' la la particolare composizione del terreno delle Langhe che ci restituisce un Dolcetto di notevole strutturae con una grande ricchezza di sensazioni gustative ed olfattive. L’uva è raccolta a completa maturazione e dopo la pigia-diraspatura subisce una  lunga macerazione a cappello sommerso, in vasche di acciaio inox ad una temperatura controllata di 25 °C. La maturazione e l'affinamento avviene nelle vasche di acciaio inox per sei mesi. Riposa in bottiglia tre mesi prima di essere posto in commercio. E' un vino dal colore rosso rubino con sfumature violette. Al naso è delicati, floreali, intenso. In bocca è fresco, fruttato, pieno, complesso, asciutto ed armonico. Va servito alla temperatura di 18-20 °C e si abbina bene a salumi, formaggi freschi e di media stagionatura e per i piatti della cucina di terra. Va bevuto entro 3-4 anni dalla vendemmia.
Abbinamenti da provare:
Torna ai contenuti