Fortana - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Fortana

Vini
Il Fortana è un vitigno a bacca rossa molto antico di probabile origine francese ed infatti uno  dei sinonimi di questa uva è il nome di Uva d'oro, ad indicare probabilmente la provenienza dalla regione francese della Côte d'Or (Borgogna). Si narra infatti che fu Renata di Francia, figlia di re Luigi XII di Francia, principessa che  andò in sposa a Ercole II d’Este e divenne così Duchessa di Ferrara e che, nel 1528 portò proprio dalla Côte-d’Or alcune piante di questo vitigno. E' un vitigno che viene solitamente allevato in vigne basse su dossi sabbiosi nella pianura Padana e in particolare nella zona Bosco Eliceo nelle province di Ferrara e  Ravenna dove le uve di questo vitigno sono alla base del DOC Bosco  Eliceo Fortana. E' un vitigno che ha la particolarità di essere passato indenne alla filossera tanto che ancora oggi ha mantenuto il "piede franco" e cioè è senza il portinnesto americano. E' un vitigno con un grappolo abbastanza compatto, gli acini hanno la buccia spessa e consistente e la vendemmia avviene solitamente tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre e, se vinificato in purezza, consente la produzione di un vino con elevata acidità, sapido,  tannico e non troppo alcolico che è anche adatto anche alla spumantizzazione.
I vini si presentano di un bel colore rosso rubino, più o meno intenso,  con riflessi violacei. All’olfatto presenta lievi note floreali e più spiccate note fruttate di frutti rossi. Al gusto è solitamente un vino con una buona acidità e un poco tannico e si sposa benissimo con i piatti grassi  e sapidi della tradizione gastronomica ferrarese.
"Sèt e Mèz" Fortana dell'Emilia rosato frizzante IGP - Mariotti

Questo Fortana dell'Emilia è un vino rosato frizzante prodotto con uve Fortana in purezza. La vendemmia delle uve avviene manualmente, di solito nella prima decade di ottobre e, dopo la raccolta, le uve vengono diraspate e pigiate. La macerazione delle uve avviene con le vinacce per 24/36 ore e la fermentazione spontanea dura circa due settimane. Il vino viene poi mantenuto in vasche di cemento fino alla presa di spuma e subisce una seconda fermentazione in bottiglia, secondo il metodo champenoise, senza sfecciatura. Questa operazione dura circa due mesi e avviene ancora un affinamento in bottiglia per alcuni mesi. E un vino che all'olfatto presenta note di piccoli frutti rossi e sentori di crosta di pane. Al gusto é secco, discretamente morbido, fresco e sapido.
Si abbina con antipasti di pesce e crostacei, e da solo come aperitivo, ma è ottimo con tutti i piatti della cucina ferrarese ed anche con la salama da sugo.
Va servito giovane ed una temperatura di servizio di 10 - 12 °C.

Alcuni abbinamenti da provare:
Torna ai contenuti