Funghi champignon ripieni - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Funghi champignon ripieni

Ricette > Verdure & Contorni
Ingredienti per 4 persone:

400 g. di funghi champignon crema
50 g. di pomodori secchi
50 g. di olive nere snocciolate
125 g. di mozzarella
2 spicchi di aglio
1 tuorlo d'uovo
1/4 di cipolla
basilico
timo
parmigiano reggiano
pangrattato
olio evo
sale q. b.
pepe q. b.

Funghi champignon ripieni
Preparazione:

Lavare, pulire i funghi champignon e togliere il gambo. Tritare finemente i gambi e rosolarli in una padella con lo spicchio di aglio, la cipolla e un filo di olio. Fare rosolare fino a che non avranno perso tutta l'acqua. Regolare di sale e pepe e lasciare raffreddare.
Mettere le cappelle dei funghi in una teglia nel forno già caldo a 200 °C e farle ammorbidire per circa cinque minuti. Nel frattempo ammorbidire con un poco di acqua calda i pomodori secchi, tagliarli a listarelle e metterli da parte. Sgocciolare le olive nere denocciolate e tagliarle a cubetti molto piccoli. Mettere da parte. Lavare, e tritare le foglie di basilico e di timo. Mettere da parte. Togliere dal liquido di governo la mozzarella e tagliarla a cubettini. In una ciotola impastare i cubetti di mozzarella, le erbe aromatiche tritate, i gambi dei funghi rosolati, le olive ed i pomodori secchi con alcuni cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato, il tuorlo d'uovo e un cucchiaio di pangrattato. Regolare di sale e di pepe. Con il composto ottenuto farcire le cappelle di funghi champignon che nel frattempo sono state tolte dal forno. Ungere una pirofila da forno con poco olio e trasferirvi le cappelle dei funghi ripiene Cuocere nel forno già caldo a 200 °C per circa 20-25 minuti. Servire caldissimi.

L'abbinamento ....

Alto Adige Müller Thurgau DOC - Kellerei Kurtatsch - Cantina Produttori Cortaccia

Il Müller Thurgau è prodotto dalle uve dell'omoniumo vitigno, un incrocio tra Riesling e Madeleine Royal, coltivato sui pendii esposti di Penone, Hofstatt e Corona ad altitudini fino a 900 m s.l.m. su terreni ghiaiosi e leggeri dove i notevoli sbalzi di temperatura tra giorno e notte conferiscono alle uve uno spiccato aroma. La vinificazione avviene con la fermentazione in bianco a temperatura controllata in acciaio inox. Il risultato è un vino dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini che all'olfatto ci regala un'intensa aromaticità, piacevoli sentori di fieno alpino appena tagliato e di noce moscata. Il vino è al gusto un tripudio di aomi che confermano le note olfattive su cui spiccano armoniosamente le note fruttate, della pesca bianca, del miele e della nocciola. Va bevuto giovane alla temperatura di 10 °C ed è ottimo come aperitivo ed accompagnato a piatti di pesce, a crostacei e molluschi, ma anche con il sushi. Perfetto anche con le verdure.


Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti