Fusilli al ferretto con pancetta e peperoni cruschi - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Fusilli al ferretto con pancetta e peperoni cruschi

Ricette > Primi Piatti
Quella che vi proponiamo è una ricetta molto semplice, ma particolare e che richiama  sapori forti e decisi della tradizione gastronomica contadina. La pancetta è abbinata ai peperoni cruschi, dei peperoni secchi, dalla pelle sottile e dolce, molto utilizzati e conosciuti in particolare in Basilicata, che si prestano a rendere bene in molti piatti della cucina del Sud.

Ingredienti per 4 persone:

320 g. di fusilli al ferretto
6 peperoni cruschi
50 g. di pangrattato
160 g. di pancetta stesa dolce
1 spicchio di aglio
40 g. di caciocavallo podolico grattugiato
olio extravergine di oliva
sale q. b.
pepe q. b.

Fusilli al ferretto con pancetta e peperoni cruschi
Preparazione:

Prendere i peperoni cruschi  e tagliandoli per la parte più lunga eliminare il picciolo ed i semi. Spezzettarli e metterli da parte.
Prendere la pancetta , togliere la cotenna e tagliarla e cubetti oppure a listarelle.
In una padella aggiungere un poco di olio, lo spicchio di aglio e aggiungere la pancetta a rosolare. Dopo qualche minuto aggiungere i peperoni cruschi a pezzetti, pepare, togliere l'aglio  e lasciare cuocere fino a che la pancetta non sarà ben rosolata mescolando spesso. A parte tostare il pane e mettere da parte.
Cuocere i fusilli in abbondante acqua salata. Scolare i fusilli molto al dente ed unirli al sugo di pancetta e peperoni aggiungendo alcuni cucchiai dell'acqua di cottura della pasta. Lasciare insaporire per un minuto e infine aggiungere il caciocavallo grattugiato. Mescolare bene e spegnere il fuoco. Impiattare e servire spolverizzando con il pane tostato.


I Peperoni cruschi  (Zafaran crusk)

I peperoni secchi che comunemente vengono anche chiamati Zafaran crusk sono dei peperoni secchi che hanno un sapere dolce (non piccante) una fragranza molto intensa e una polpa molto sottile. Sono solitamente piantati nelle regioni del sud dell'Italia, particolarmente in basilicata, tra febbraio e marzo e raccolti manualmente a partire da agosto a settembre. Sono di colore rosso vivace, dalla forma conica e dalle piccole dimensioni, al massimo 15 centimetri di lunghezza.
Una volta raccolti sono infilati in lunghe collane (serte) che vengono messe ad essicare lentamente in modo naturale in luoghi ben arieggiati e non esposti direttamente alla luce solare. I peperoni secchi, che al contrario dei pomodori secchi non devono essere ammollati prima di essere utilizzati, sono protagonisti di molti piatti della cucina tipica lucana. Solitamente sono utilizzati fritti oppure polverizzati e accompagnano molto bene la pasta, le carni rosse, i formaggi, il baccalà, le uova fritte, la salsiccia e le verdure fresche come le fave o insalate.
L'abbinamento ....

"Il Manfredi rosa" Basilicata IGT - Re Manfredi

Questo rosato è prodotto nelle terre vulcaniche del Vulture con uve di Aglianico in purezza. Questo vitigno, storicamente impiegato per la produzione di vini rossi da affinamento, è declinato in una versione rosato. Le uve di aglianico selezionate sono vinicate per pochissimo tempo sulle bucce con decantazione a freddo e fermentazione a basse temperature con una selezione specifica di lieviti. Il risultato è un vino di colore rosa corallo che all'olfatto esprime note di frutti rossi, vanigliae timo. Al gusto è fresco, sapido e minerale, con una buona struttura, persistente e con un finale leggermente speziato. E' un vino versatile, ottimo come aperitivo, con il pesce alla griglia, con primi piatti anche saporiti e con formaggi freschi o a media stagionatura. Ottimo bevuto giovane alla temperatura di servizio di 10 - 12 °C.


Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti