Maritati con cime di rapa e 'nduja - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Maritati con cime di rapa e 'nduja

Ricette > Primi Piatti
Ingredienti per 4 persone:

320 g. di maritati
300 g. di cime di rapa
2 spicchi di aglio
30 g. di parmigiano reggiano
40 g. di mozzarella fiordilatte
40 g. di nduja
olio evo
sale q. b.
pepe q. b.

Maritati con cime di rapa e 'nduja
Preparazione:

Lavare le cime di rapa e separare le foglie dai gambi. Tagliare i gambi a pezzetti e spezzare le foglie grossolanamente.
In una casseruola capiente sbollentare in acqua salata prima i gambi tagliati a pezzetti per circa 4-5 minuti e poi unire le foglie tagliate per altri 5 minuti.
Scolare  e insaporire in una padella, con un filo di olio, gli spicchi di aglio. Unire le cime di rapa con un poco della loro acqua di cottura e lasciare rosolare in modo che prendano sapore regolando di sale. Unire l'nduja facendo attenzione a non metterne troppa in quanto è particolarmente piccante. Togliere l'aglio.
In una pentola di acqua bollente salata cuocere i maritati. Quando la pasta sarà cotta al dente scolarla e mantecarla con il condimento a fuoco vivo aggiundendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e una spolverata di parmigiano reggiano. Impiattare e accompagnare con dei piccoli pezzetti di mozzarella fiordilatte.
'Nduja

La ‘nduja è un salume tipico prodotta prevalentemente nella zona di Spilinga, in Calabria. Spilinga é un piccolo comune anche noto come la "Città della 'nduja" in cui gli artigiano hanno saputo valorizzare questo salume prodotto con ingredienti semplici. I vari tagli di maiale come il guanciale, la pancetta e il lardello vengono finemente tritati insieme al peperoncino rosso calabrese essicato e fresco, impastati ed amalgamati fino ad ottenere un impasto omogeneo e cremoso. È infatti il peperoncino che conferisce al salume quel caratteristico colore rosso vivo e che ne permette la lunga conservazione. L'impasto viene poi insaccato sottoposto ad una leggera affumicatura. Dopo l’affumicatura, è la volta della stagionatura, che dovrà andare almeno tre mesi. Gli usi di questo straordinario insaccato cono molteplici: ottima spalmata su una fetta di pane tostato caldo, come condimento per la pasta, sulla pizza ed anche in accompagnamento con formaggi semi-stagionati o per insaporire frittate.

Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti