Menta (Mentha) - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Menta (Mentha)

Nell'orto
La menta (Mentha) è una pianta aromatica perenne facilissima da coltivare, tanto che viene considerata infestante in quanto, attraverso i propri rizomi striscianti, si espande attorno all'area dove viene piantata.
Cresce quindi bene sia in vaso sia nell'orto.
Il terreno migliore ove coltivarla è un terreno ricco di humus e sostanza organica, ben drenato ed esposto a mezz'ombra oppure al sole, ma non per tutta la giornata.
Se coltivata nell'orto occorre fate attenzione a che non invada gli altri ortaggi per la sua esuberanza ed è bene tenerla contenuta periodicamente anche in altezza.
Non bisogna avere paura a tagliarla in quanto è una pianta dal vigore straordinario, anzi ne trova giovamento ed il portamento sarà più ordinato.
Alcune delle principali varietà di menta sono:
  • Mentha rotundifolia (glaciale), caratterizzata da foglie rotondeggianti di un colore verde chiaro acceso da un profumo molto intenso e dolciastro che la fa utilizzare molto poco in cucina, mentre è apprezzata per aromatizzare bevande;
  • Mentha piperita, certamente la più conosciuta, caratterizzata da un aroma molto intenso e balsamico;
  • Mentha gentilis, Come suggerisce il nome ha un gusto più “gentile” quindi meno invasivo e per questo è ottima da usare come spezia in cucina;
  • Mentha arvensis, detta anche campeste, varietà diffusa in quasi tutta Italia e le cui foglie sono spesso usate per preparare bevande o per aromatizzare i cibi;
  • Mentha pulegium, una varietà caratterizzata dalle foglie di piccole dimensioni, ovali o oblunghe, scarsamente dentellate. E' una specie ricca di olio essenziale composto, tra gli altri, da mentolo, mentone, pinene, limonene. E' utilizzata  per insaporire insalate e verdure;
  • Mentha aquatica, una varietà presente in quasi tutta italia e che troviamo spontanea nei luoghi ombrosi e umidi, sulle sponde dei laghetti, dei corsi d’acqua, dei fossi, ma anche nei prati e nei boschi umidi;
  • Mentha spicata, una varietà dalle foglie molto aromatiche che si impiegano per dare sapore a insalate, frittate, dolci, salse, gelati e macedonie e che è molto utilizzata nella preparazione di liquori e sciroppi e soprattutto dei cocktail e ad altre bevande fresche;
  • Mentha smithiana, una varietà dal caratteristico profumo di menta con l'aggiunta di quello del bergamotto che è utilizzata in cucina serve per aromatizzare le carni di maiale, per essere aggiunta al tè.
Se coltivata in vaso il contenitore deve essere non troppo piccolo, un vaso superiore ai 30 centimetri di diametro va benissimo.
Esistono moltissime varietà di menta (oltre 500!) e ciascuna varietà ha un profumo ed un aroma diverso, più o meno intenso, anche se sono tutte le varietà sono accumunate dalla freschezza dell'aroma e del gusto.
Peraltro la distinzione tra le varie specie di Mentha è difficile sia per il loro polimorfismo sia perchè è facile imbattersi in forme intermedie e in ibridi.
La menta offre il massimo delle sue proprietà e profumi appena raccolta e fresca anche se può essere essiccata con un essiccatore oppure ponendo i rametti in un luogo asciutto, ombreggiato ed arieggiato. Le foglie secche sono molto apprezzate nella preparazione di tisane e il tè alla menta.
In cucina la menta ha molteplici utilizzi: per aromatizzare insalate, come spezia sulle verdure come ad esempio per aromatizzare le zucchine,  per aromatizzare carni e pesci, ad esempio ottima per insaporire il pesce spada, ma è anche ideale per tisane e tè aromatizzati.
Si possono infine preparare liquori e sciroppi ed è utilizzata per aromatizzare cocktail fra cui citiamo il celeberrimo mojito.
La menta è una pianta officinale ricca di proprietà, di cui certamente l'effetto più evidente e quello balsamico anche per la presenza nell'olio essenziale del mentolo, tuttavia ha anche proprietà espettoranti, digestive, tonico-stimolanti, antispasmodiche.
Torna ai contenuti