Risotto agli asparagi - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Risotto agli asparagi

Ricette > Primi Piatti
Ingredienti per 4 persone:

320 g.  di riso integrale
400 g. di asparagi
1 scalogno
1 noce di burro
parmigiano reggiano
brodo vegetale
½ bicchiere di vino bianco
1 spicchio di aglio
olio evo
sale q. b.
pepe q. b.


Risotto agli asparagi
Preparazione:

Lavare gli asparagi e rimuovere la parte dura del gambo inferiore che può essere utilizzata nella preparazione del brodo vegetale. Pelare, aiutandosi con un pelapatate, la parte inferiore dell'asparago. Cuocere gli asparagi a vapore, con un pizzico di sale, per circa cinque minuti lasciandoli piuttosto croccanti. Tagliare le punte e metterle da parte. Affettare i gambi a rondelle e iniziare a cuocerli in una padella con un filo di olio e lo scalogno tritato finemente. Dopo qualche minuto versare il riso nel tegame, sfumare con il vino bianco e, una volta che il vino sarà evaporato, abbassare la fiamma e aggiungere poco alla volta il brodo vegetale, mescolando spesso e avendo cura di aspettare che sia stato assorbito il brodo prima di aggiungerne altro (la cottura del riso richiederà circa 45 minuti).
A cottura ultimata mantecare con il burro e aggiungere il parmigiano reggiano grattugiato e servire con le punte di asparagi che nel frattempo sono state fatte insaporire in una padella con una noce di burro, sale e pepe.
Il riso integrale
Riso Integrale Sant'Andrea DOP - Riso di Baraggia biellese e vercellese
Per questa ricetta suggeriamo di utlizzare il riso integrale Sant'Andrea di Baraggia. La Baraggia è un’area di produzione risicola situata nel nord est del Piemonte, ai piedi del Monte Rosa (Alpi), nelle Province di Biella e di Vercelli caratterizzata da un clima con estati piuttosto fresce  e con risaie irrigate da acque fredde. In questa zona il riso è coltivato sin dal 1600 ed a riconoscimento della qualità e della forte connotazione con il territorio al riso di Baraggia è stato assegnato il riconoscimento di DOP (Denominazione di Origine Protetta). Il riso di Baraggia  ha una ottima tenuta alla cottura, una superiore consistenza e modesta collosità. A noi piace il riso integrale Dop "Riso di Baraggia biellese e vercellese nella varietà Sant'Andrea. E' un riso in cui la lavorazione si limita alla decorticazione e cioè viene tolta solo la parte dura che protegge il chicco di riso e prima di essere confezionato passa in setacci, pulitori e in selezionatrice ottica per togliere tutti i difetti e le impurità.
Il riso integrale ha un tempo di cottura di circa 45 minuti che possono essere risotti a 30 minuti se cotto in pentola a pressione e solitamente viene bollito. Noi lo proponiamo cucinato come in un normale risotto con l'accortezza di aggiungere il brodo in maniera maggiore in modo che il riso sia sempre coperto. Questo perchè la parte esterna del chicco è ricca di fibra, vitamine e sali minerali, è molto più dura del riso normale e quindi il brodo o l'acqua di cottura impiegano più tempo per penetrare all'interno del chicco e cuocerlo.

Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti