Scaloppine ai funghi porcini - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Scaloppine ai funghi porcini

Ricette > Secondi Piatti
Ingredienti per 4 persone:

8 fettine di lombo di maiale
400 g. di funghi porcini
50 g. di burro
farina q. b.
olio Evo
aglio
sale q. b.
pepe q. b.


Preparazione:

Pulire i funghi usando un pennellino ed un panno umido per eliminare le parti terrose.
Separare la testa dal gambo ripulendola allo stesso modo al suo interno. Tagliare quindi i funghi e cuocerli in una padella con olio e aglio. Salare, aggiungere il prezzemolo tritato e lasciare cuocere per circa 10-15 minuti.
Battere le fettine di lombo su un tagliere e poi passarle in un piatto con la farina.
Mettere in una padella un filo di olio e una noce di burro, aggiungere la carne e farla rosolare circa 2 minuti per lato.
Una volta ben dorate unire le fettine di carne ai funghi e servire.
I Porcini (Boletus edulis)
E' un fungo molto apprezzato da sempre considerato il re dei funghi. Ha un gambo bianco e tondeggiante e una cappella più o meno scura a secondo della varietà. Il porcino cresce nel sottobosco di querce, di castagni, di faggi e di coniferee dove viene raccolto tra agosto e ottobre. Ha carni sode e compatte, un profumo intenso e gradevole e un sapore delicato che diventa decisamente più intenso se essiccato. Ricordate che i funghi hanno una grandissima percentuale di acqua per cui sono molto deperibili. Quando li comprate per prima cosa annusateli: il profumo deve essere di bosco, fresco ed umido. Valutate poi la compattezza. I gambi e le cappelle devono essere ben sodi, non devono avere parti mollicce e marciumi. Verificate la presenza di parassiti e di piccoli vermi. Considerate però che alcune piccole morsicature del gambo o della cappella sono fisiologiche.
In cucina l'uso dei porcini è dei più vari. Si possono cucinare per condire primi piatti (tagliatelle e risotti) ma anche come contorno oppure per accompagnare la carne, ma anche il pesce, come ad esempio cotto unitamente ad un rombo. Se utilizzato fresco non necessita di lunghe cotture e si può cucinare in umido, fritto o consumare anche crudo.
L'abbinamento ....

"La Meirana" Gavi DOCG - Broglia

La Meirana, il prodotto più rappresentativo e classico che produce l'Azienda Broglia, è ottenuto con uve di Cortese in purezza coltivate nel Comune di Gavi in vigneti su terreni argilloso-marnosi esposti prevalente a sud-est all'altezza di 290-300 metri s.l.m..
Viene vinificato in bianco in vasche di acciaio inossidabile a temperatura controllata e la fermentazione avviene fra i 12 °C e i 16 °C. L'affinamento è anch'esso in acciaio. Il risultato è un vino dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini che all'olfatto esprime aromi fruttati e sentore di fiori bianchi. Al gusto si presenta secco, equilibrato, fresco e con un finale ammandorlato, tipico varietale.
E' ottimo abbinato con il pesce e con le carni bianche. Va servito entro 3-4 anni dalla vendemmia alla temperatura di 10 - 12 °C.

Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti