Spaghetti alle cozze con salsa di cannellini - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Spaghetti alle cozze con salsa di cannellini

Ricette > Piatti di Mare
Ingredienti per 4 persone:

320 g. di spaghetti
500 g. di cozze
uno spicchio d'aglio
vino bianco
1 barattolo di fagioli cannellini
olio extravergine d’oliva
peperoncino
sale q. b.
pepe q. b.

Spaghetti alle cozze con salsa di cannellini
Preparazione:

Pulire le cozze mettendole in una bacinella piena d’acqua a sciacquare. Con un coltello o con una spazzola eliminare le impurità che compaiono sul loro guscio e togliere la barbetta che esce dalle valve. Risciacquare le cozze.
Dopo aver pulito le cozze, fare rosolare in un tegame un po’ di olio extravergine d’oliva con uno spicchio d’aglio schiacciato e sfomare con il vino bianco. Dopo qualche minuto, togliere l’aglio e versare i molluschi. Coprire con un coperchio e lasciare che le cozze si schiudano completamente. Spegnere il fuoco. Mettere da parte le cozze senza sgusciarle e filtrare l'acqua di cottura delle cozze e metterla da parte.
Sgocciolate i fagioli cannellini e in una padella mettere un filo di olio, uno spicchio di aglio e rosolare i fagioli cannellini. Aggiungere i fagioli cannellini e l'acqua di cottura delle cozze. Fare cuocere per qualche minuto. Togliere lo spiccchio  di aglio e frullare fino ad ottenere una crema omogenea.
Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata lasciandoli al dente e mantecarli in padella con le cozze cotte in precedenza, alcuni cucchiai dell'acqua di cottura della pasta e la crema di cannellini.  Aggiungere una manciata di prezzemolo fresco tritato e una grattugiata di pepe.

L'abbinamento ....

"Pietra" Rosato IGT Salento - Menhir Salento

Pietra è un vino rosato prodotto in Salento da vigne situate nel comune di San Dònaci su terreni di medio impasto, argillosi e profondi. dei vitigni Negroamaro e Susumaniello. La vendemmia avviene indicativamente la seconda settimana di settembre. La vinificazione: macerazione pre-fermentativa a 8 °C per circa 6 ore, fermentazione a temperatura controllata di 14 °C per 20 giorni e con successivo affinamento su fecce fini per 3 mesi in vasche d'acciaio. Il risultato è un vino dal colore rosa cerasuolo scarico con riflessi aranciati che all'olfatto presenta tenui sentori di lampone ed al gusto si presenta decisamente aromatico e complesso con una leggera prevalenza aromi di frutta rossa e di basilico. Ottimo per apertivo, per accompagnare minestre leggere e con le verdure, formaggi di media stagionatura, ma anche freschi, e soprattutto con i piatti di pesce non grassi e i frutti di mare. Da provare con i gamberoni alla gallipolina. Va bevuto giovane e servito alla temperatura di 8 - 10 °C.


Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti