Uovo fritto su crema di topinambour - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Uovo fritto su crema di topinambour

Ricette > Secondi Piatti
Ingredienti per 4 persone:

4 uova
150 g. di topinambour
parmigiano reggiano
olio evo
burro
80 ml. di panna fresca
30 g. di tartufo bianco
brodo vegetale
sale q. b.
pepe q. b.
semi di sesamo nero
sale nero di Cipro q. b.

Uovo fritto su crema di topinambour
Preparazione:

Lavare e sbucciare i topinambour. Tagliarli a pezzettini e metterli in una padella con poco olio evo e iniziare la cottura aggiungendo poco alla volta del brodo vegetale. Quando il topinambour frullarlo con due cucchiai di olio evo, un goccio di panna fresca, una grattugiata di pepe e un filo di olio evo fino ad ottenere una crema abbastanza morbida e, se del caso, aggiungere un goccio di brodo vegetale per renderla morbida e velluatata nella giusta consistenza.
Nel frattempo preparare una fonduta con la panna ed il parmigiano reggiano grattugiato.
Scaldare una padella antiaderente con il burro. Rompere le uova nella padella e farle soffriggere a fiamma bassa qualche istante. Ogni tanto  con un cucchiaino prelevare un poco di burro caldo dal fondo e portarlo sugli albumi affinché cuociano in superficie e prendano sapore.
nel piatto preparare un letto con la crema di tupinambour calda. Posizionare sopra l'uoco cotto facendo attenzione a non rompere il tuorlo che sarà morbido. Mettere qualche goccia di pfonduta. salare con il sale nero di cipero e cospargere con qualche seme di sesamo nero. Grattugiare sopra a scaglie sottili il tartufo bianco.

Uovo fritto su crema di topinambour
Il sale nero di Cipro

Il sale nero di Cipro viene estratto dai laghi salati di Larnaca e Limassol. Questi laghi sono salati in quanto è l'acqua del vicino mare la cui acqua che filtra attraverso la porosità del terreno e forma i laghi. Il sale viene estratto e dopo viene unito al carbone vegetale attivo, ottenuto dalla combustione di legno dolce come tiglio, betulla e salice. Il carbone vegetale è utilizzato quale integratore naturale con l'obiettivo di migliorare l’equilibrio gastro-intestinale e quindi anche per sgonfiare la pancia. Il carbone vegetale ha infatti ha un elevato potere assorbente.
Il sale nero di Cipro può essere utilizzato come decorazione, ma può anche essere utilizzato in luogo del sale normale.
L'abbinamento ....

Ca' Visco Soave Classico DOC - Coffele

E' un vino biologico prodotto dalle uve Garganega per il 75% e per il restante 25% da uve di Trebbiano di Soave coltivate nei vigneti di proprietà dell'azienda inella zona collinare classica  in località Castelcerino di Soave ad altitudini tra i 150 ed i 450 m s.l.m.. La vendemmia è manuale ed è effettuata nel mese di settembre per il Trebbiano di Soave e ad ottobre per la Garganega. La pressatura è soffice e la fermentazione avviene mantenendo la temperatura al di sotto dei 18 °C e la conservazione e maturazione del vino avviene in piccoli recipienti di acciaio inox alla temperatura controllata inferiore ai 16° C. Dopo la maturazione Garganega e Trebbiano vengono assemblati, imbottigliate ed il vino è affinato per un altro mese in bottiglia. E' un vino di colore giallo intenso molto brillante. Al naso si presenta decisamente aromatico e ci colpiscono le ampie sensazioni agrumate di cedro e pompelmo, ma anche di frutta tropicale e di fiori quali il tiglio. Al gusto è un vino secco, fresco, sapido e con un finale ed una persistenza interessanti. Si abbina bene ai piatti di mare ed anche alle cruditè di pesce. Ottimo anche con le carni bianche e secondo noi con questo piatto che sposa il sapore cremoso dell'uovo con il nobile tartufo bianco. Va servito ad una temperatura di 8 - 10 °C.


Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti