Fettuccine al limone con gamberi, zenzero e timo - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Fettuccine al limone con gamberi, zenzero e timo

Ricette > Piatti di Mare
Le fettuccine al limone e pepe sono prodotte da Del Duca, un piccolo pastificio nel cuore del Salento, che utilizza semole di grano duro di alta qualità e una lavorazione lenta e accurata con l’impiego di trafile in bronzo. La pasta così realizzata viene essiccata distesa, e non appesa, a una temperatura di 40 gradi, in modo da non stressare gli impasti e preservarne la grande qualità. Sperimentatele con gamberi argentini, fettine di zenzero in agrodolce, timo ed un mix di pepe nero, rosa e verde.
E come abbinamento perchè non provare un vermentino salentino prodotto dalla cantina San Marzano. Un vermentino che ci ricorda tutte le suggestioni della macchia mediterranea, dei suoi fiori, del sole e del vento. Le note agrumate e di macchia mediterranea all'olfatto si fondono al palato con i sentori di timo e rosmarino ed esprimono insieme una freschezza e mineralità persistente.
Ingredienti per 4 persone:

320 g. di fetticcine al limone e pepe
450 g. di gamberi argentini
1 spicchio di aglio
scorza di un limone non trattato
40 g. di zenzero marinato in agrodolce
vino bianco secco
olio evo
sale q. b.
mix pepe q. b.

Fettuccine al limone con gamberi, zenzero e timo
Preparazione:

Sciacquare i gamberi sotto acqua corrente, con le mani togliere la testa e le zampette ed iniziare a togliere dalla parte delle testa il carapace (il guscio a scaglie che ricopre le carni). Togliere il filetto nero ovvero l’intestino interno sfilandolo, magari aiutandovi con uno stecchino oppure, se non riuscite, incidendo leggermente il dorso del gambero con un coltellino eliminandolo tirando delicatamente e cercando di non romperlo. In una padella mettere un filo di olio, uno spicchio di aglio e fare rosolare i gamberi regolando con sale e pepe e sfumare con un poco di vino bianco. Aggiungere le fettine di zenzero in agrodolce ed alcune foglioline di timo. (Nel nostro caso abbiamo utilizzato dei bellissimi gamberi argentini di cui alcuni sono stati cucinati interi ed altri a pezzetti non troppo piccoli).
Terminare la cottura ed eliminare lo spicchio di aglio.
In una pentola fare bollire abbondante acqua salata e cuocere le fettuccine mantenendole al dente.
Aggiungere la pasta nella padella ove avete cotto i gamberi e mantecare bene aggiungendo un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta. Impiattare e aggiungere un poco di foglie di timo, una macinata di pepe (mix di pepe nero, verde e rosa) e per finire una grattugiata di scorza di limone.
Fettuccine al limone con gamberi, zenzero e timo
A noi piace....

Fettuccine limone e pepe - Pastificio Del Duca

Del Duca è un piccolo pastificio nel cuore del Salento che nel 2005 inizia la produzione di pasta secca. La pasta artigianale Del Duca é prodotta con semole calibrate di alta qualità di grano duro, dall’alto tenore proteico, ed è il risultato di una lavorazione lenta e accurata con l’impiego di trafile in bronzo a filo sottile. La pasta così realizzata viene essiccata distesa, e non appesa, a una temperatura di 40 gradi, in modo da non stressare gli impasti, e preservare una assimilazione naturale e completa di ogni fattore. In questo modo é garantito l’apporto delle proteine e la pasta si presenta con la superficie ruvida in modo da trattenere meglio i condimenti.
L'abbinamento ....

'Timo' Vermentino Salento IGP - San Marzano

Questo splendido Vermentino è prodotto da uve in purezza dell'omonimo vitigno nel brindisino in terreni a circa circa 100 m sul livello del mare caratterizzati da un microclima temperato proprio per la vicinanza con il mare. I terreni sono poco profondi, di medio impasto, a prevalenza sabbioso. Le uve sono raccolte l'ultima settimana di agosto e le uve diraspate vengono mantenute a contatto con le bucce per qualche ora a freddo prima della pressatura, così da estrarre il massimo potenziale aromatico dalle bucce. La fermentazione avviene in acciaio a 15 °C per 13-15 giorni. L'affinamento é in acciaio per cinque mesi. Il risultato è un vino dal colore giallo paglierino che all'olfatto sprigiona un delicato profumo  di fiori bianchi, che si armonizza perfettamente alle note agrumate e di macchia mediterranea. Al palato si confermano i sentori di timo e rosmarino cche ci introducono ad una freschezza e mineralità persistente.
Perfetto in abbinamento a piatti a base di pesce, crostacei ed anche con i formaggi non troppo stagionati. Va servito entro tre anni dalla vendemmia alla temperatura di 10 - 12 °C.

Ti potrebbe interessare anche
Torna ai contenuti