Monica di Sardegna - Fichi Caramellati

Vai ai contenuti

Monica di Sardegna

Vini
Il Monica é uno dei vitigni sardi di più antica introduzione e che rappresenta, al pari del Nuragus. Questo vitigno lo troviamo infatti, con percentuali diverse, diffuso in tutto il territorio sardo. Per quanto riguarda l'origine l’ ipotesi più accreditata  è  quella sedondo la quale sarebbe stato introdotto in Sardegna intorno all’XI  secolo, ad opera dei monaci Camaldolesi intorno ai monasteri. Da qui: uva dei Monaci, poi uva Monaca e poi Monica. A prescindere dalle originié un vitigno che esprime tutta la sua potenzialità  sui  terreni mediamente profondi a composizione calcarea in zone collinari a  media pendenza, ben esposte al sole.
Dal vino ottenuto dall’uva Monica si ritrovano freschi profumi di mora e ciliegia, confettura di frutti rossi e delicata speziatura spesso accompagnata da sfumature di mandorla dolce. Al palato si presenta caldo e piacevolmente morbido.
Dal vitigno Monica si ottengono due tipologie DOC: Monica di Sardegna e Cagliari Monica. Invece in uvaggio con il Bovale sardo e il Cannonau é uno dei vini della Doc Mandrolisai.
'I Fiori' Monica di Sardegna DOC - Pala

'I Fiori' è prodotto con uve di Monica di Sardegna in purezza coltivata nella località "Su staini saliu" (Serdiana) nel sud della Sardegna in provincia di Cagliari. Qui i terreni sono argilloso calcarei e poveri di scheletro. Le uve, previa pigiadiraspatura, seguono una macerazione, con l'innesto di lieviti selezionati, a temperatura controllata di 20 °C per almeno cinque giorni. Dopo la svinatura la fermentazione prosegue, sempre a temperatura controllata, in acciaio inox. Al termine della fermentazione, dopo leggere chiarifiche, l'affinamento prosegue per circa 6 mesi in vasche di cemento sotterranee e in bottiglia per 2-3 mesi.
Il risultato é un vino dal colore rubino intenso con leggeri riflessi violacei. All'olfatto é intenso e persistente ove si sprigionano delicate note vegetali e speziate della macchia mediterranea. Al gusto é asciutto e morbido, piacevolmente fresco, equilibrato e armonico che rende la beva molto piacevole.
E' un vino molto versatile, perfetto in abbinamento ad antipasti magri, a minestre asciutte e in brodo, a carni bianche e a formaggi anche di media stagionatura. perfetto anche in abbinamento a filetti di pesce (tonno, pesce spada, ecc.). Si consiglia di servirlo entro 4/5 anni dalla verdemmia alla temperatura di 14 - 16 °C.

Alcuni abbinamenti da provare:
Torna ai contenuti